Interventi di Vaginoplastica

La creazione di una neovagina è una delle operazioni più importanti durante la transizione medica delle donne transessuali.
Esistono tre tipi di vaginoplastica:
– Inversione del pene e vaginoplastica (l’operazione più comune per la riassegnazione sessuale)
– Vaginoplastica intestinale (consigliata in casi di revisioni chirurgiche o quando il paziente ha un pene di dimensione inadeguata)
– Trapianto non genitale (di solito eseguito dopo una chirurgia oncologica, infezioni, traumi o quando il paziente MtF non desidera avere una cavità vaginale per avere relazioni sessuali con penetrazione)
La vaginoplastica nel contesto della riassegnazione sessuale avviene in un’unica operazione e può essere completata con un secondo passaggio per una maggiore femminilizzazione del sesso.

Prima della chirurgia, è necessario che il paziente rimuova tutti i peli dallo scroto e dal pene, operazione che può richiedere tra i 3 e i 6 mesi.
Il successo di una vaginoplastica MtF produce la creazione di una vagina e di un monte di Venere che sembrino naturali, sensibili e funzionali.

L’operazione stessa è costituita da una ablazione scrotale e dalla creazione di piccole e grandi labbra, di un neoclitoride sensibile e di una cavità vaginale di dimensione soddisfacente per consentire rapporti sessuali con penetrazione.

Anche altri elementi hanno la loro importanza: una continuità delle grandi labbra, un aspetto umido delle piccole labbra, una lubrificazione naturale delle pareti vaginali che permettono una fluidità delle relazioni e un prepuzio clitorideo elaborato per un aspetto più naturale e più sensibile.

Il chirurgo utilizza la pelle del pene e un innesto cutaneo perineo-scrotale per creare la cavità vaginale. Le grandi labbra sono create con la parte laterale dello scroto e il neoclitoride è costruito con la parte dorsale del glande del pene.
Le piccole labbra e il rivestimento vestibolare sono costruiti con un trapianto dell’uretra e della pelle del pene. L’uretra viene accorciata, ma possono essere necessari trapianti da altri siti donatori, come la parte inferiore dell’addome, per esempio.

Seconda tappa opzionale, minimo 3 mesi dopo la vaginoplastica:
– labioplastica per lavorare l’angolo delle piccole labbra
– prepuzio clitorideo per migliorare l’aspetto del neoclitoride

 

Vaginoplastica intestinale

Vantaggio: creazione di una vagina di 12-15cm, vascolarizzata e lubrificata naturalmente, evitando così l’uso di lubrificanti a base di gel per avere rapporti sessuali. Inoltre, la dilatazione postoperatoria è molto meno restrittiva.

Svantaggi: Esiste un rischio di secrezioni vaginali in eccesso. Questo può anche causare odore vaginale.

Per questi motivi, la vaginoplastica intestinale viene utilizzata per correzioni chirurgiche di precedenti interventi e non per una creazione ex-novo.

Trapianto non genitale

Spesso questa operazione viene eseguita per la ricostruzione genitale dovuta a un trauma, dopo una chirurgia oncologica o infezioni gravi.
Questo tipo di trapianto è anche praticato per i transessuali che non vogliono avere un canale vaginale che consenta la penetrazione durante il rapporto sessuale. In questo caso, il sesso femminile è costruito solo esternamente (clitoride, labbra, monte di venere).

Post-operatorio
Da 4 a 5 giorni di riposo con un Vaginal stent per poter fissare le pareti e favorire la creazione di una microvascolarizzazione.
Al fine di prevenire la necrosi o la chiusura della cavità, è necessario utilizzare un dilatatore vaginale più volte al giorno per 6 settimane, per poi ridurne gradualmente l’uso fino a 2-3 volte alla settimana. Questo uso dipende anche dalla frequenza dei rapporti sessuali con penetrazione.

 

ZSI è l’unico produttore europeo di sfinteri urinari artificiali e di protesi malleabili e idrauliche come soluzioni per problemi urologici maschili (incontinenza), complicanze sessuali (impotenza), e di identità di genere (protesi per uomini e donne trans).